Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante cookie policy.

!scarica il depliant!

English

La voce di Dio nell’arte di J.S. Bach

Tre concerti ore 21:00

VIGLIANO BIELLESE
CHIESA DI SANTA LUCIA

Luglio-Novembre 2017

“Bach è il dialogo dell’Onnipotente con Se stesso prima della creazione”. Così W. Goethe scriveva nel 1827 all’amico C. F. Zelter, mettendo in luce in maniera provocatoria la dimensione trascendente della musica di Bach. Non è stato l’unico a farlo: dopo di lui tanti lo hanno affermato, in termini altrettanto arditi. Questo ciclo di concerti interamente dedicati al musicista tedesco si colloca sulla scia di Goethe e riprende il titolo della monumentale biografia di John Eliot Gardiner: “La musica nel castello del cielo” (2013). Le parole con cui Gardiner conclude il suo libro saranno il filo rosso che ci accompagnerà nell’ascolto dei tre solisti che hanno accolto il nostro invito: “È questo l’aspetto che distingue l’eredità di Bach da quella dei suoi predecessori e successori... È Bach, facendo musica nel castello del cielo, a farci sentire la voce di Dio – però in forma umana. È lui l’unico a tracciare la via, e a mostrarci come superare le nostre imperfezioni attraverso la perfezione della musica: a rendere divino ciò che è umano, e umano ciò che è divino”. In Gardiner ritroviamo un’eco di quanto già affermato da Benedetto XVI nel 2011: “Bach aveva una concezione profondamente religiosa dell’arte: onorare Dio e ricreare lo spirito dell’uomo. L’ascolto della sua musica richiama... una grande costruzione architettonica in cui tutto è armoniosamente compaginato, quasi a tentare di riprodurre quella perfetta armonia che Dio ha impresso nella sua creazione” (9 agosto 2011).

Chiesa di Santa LuciaOK

La chiesa di Santa Lucia sorse con il nome di cappella di San Pietro nel 1501-1502 e fu fatta costruire dagli Avogadro di Vigliano e di Valdengo. In essa ebbe sede la confraternita di Sant'Anna, che venne in seguito chiamata confraternita della SS. Trinità. A questa, nel XVII sec. venne dedicata la chiesa. Il porticato, antistante l'ingresso, fu interamente affrescato nel 1663. Del XVII sec. sono le cappelle della Madonna e della SS. Trinità; entrambe sono ornate da stucchi, opere di Ludovico Rama di Graglia, e di pitture di Francesco Allasina. Dal 2000 al 2013 grandi lavori di restauro hanno riportato la chiesa al suo antico splendore. 


Per raggiungere la chiesa di Santa Lucia, si consiglia di parcheggiare nella zona intorno alla parrocchia di Santa Maria Assunta, oppure in via Largo Stazione o in via Getta (sulla provinciale via Rivetti a destra, andando verso Valdengo).

 

LA MUSICA NEL CASTELLO DEL CIELO

Introduction to a cycle of concerts in Vigliano Biellese (Biella) - Luglio – novembre 2017

 

“Bach is the dialogue of the Omnipotent talking with Himself before Creation”.

So wrote Wolfgang Goethe in 1827 to his friend C. F. Zelter, shedding light in a provocative manner on the transcendent dimension of Bach’s music. He was not the only one to do it: after him, many affirmed it in equally daring terms.

This cycle of concerts entirely dedicated to the German musician take its place in the wake of Goethe and retakes the title of the monumental biography of John Eliot Gardiner: “The music in the castle of Heaven” (2013). The words with which Gardiner concludes his book will be the red thread that will accompany us in our listening to the three soloists that have accepted our invitation:

“This is the aspect that distinguishes the inheritance of Bach from that of his predecessors and successors. It is Bach, making music in the castle of the sky to make us hear the voice of God, but in a human form. He is the only one to trace out the way, and to show us how to overcome our imperfections through the perfection of music, to render divine what is human and humanize what is divine”.

In Gardiner we rediscover an eco of what is already affirmed by Benedict XVI in 2011: “Bach has a profoundly religious conception of Art to honor God and recreate the spirit of man. Listening to his music recalls a great architectural construction in which everything is harmoniously put together almost attempting to reproduce that perfect harmony that God impressed on his Creation”.

 

 

2 Luglio Chiara Bertoglio | 8 Ottobre Paul Galbraith
19 Novembre Walter Zanetti

 

 Johann Sebastian Bach OK

Domenica  2 Luglio 2017 
CHIARA BERTOGLIO
Pianoforte

Chiara Bertoglio pianistaok2

(Torino, 1983) è concertista di pianoforte (diploma di perfezionamento a S. Cecilia, 2001), musicologa (Dottorato di ricerca, Birmingham, 2012) e teologa (Master of Arts, Nottingham, 2016). Si è esibita come solista in sale come la Carnegie Hall di New York; è autrice di libri in italiano e inglese (fra cui Reforming Music, 2017) e ha pubblicato numerosi CD (fra cui due per Velut Luna).

Domenica 8 ottobre
PAUL GALBRAITH
Chitarra

Paul Galbraith chitarristaok2
(Edimburgo, 1964) è riconosciuto a livello internazionale come uno dei chitarristi più importanti del nostro tempo. Suona una particolare chitarra a 8 corde (Brahms guitar) che ha sviluppato nel 1993 insieme al liutaio inglese David Rubio. Su questo strumento, Galbraith ha registrato una serie di album di grande successo, tra cui l’opera completa di J. S. Bach per violino solo.

Domenica 19 novembre 2017
WALTER ZANETTI 
Chitarra 

Walter Zanetti chitarristaOK1

 Si diploma brillantemente al Conservatorio di Bologna G. Martini presso il quale è docente di chitarra classica. Consegue il Diploma Superiore di Concertista all’ Ecole Normale de Musique “A.Cortot” di Parigi; fra il 1985 e il 1988 vince alcuni fra i più importanti concorsi internazionali per chitarra classica. Si esibisce da allora presentando un vasto repertorio attraverso programmi tematici originali accolti dalla critica musicale con grande apprezzamento. Nel 2009 ha inciso un album interamente dedicato alla musica di J.S. Bach.